Crea sito
 

 

 

 

 

Voglio essere

Voglio essere il cibo che ti nutre,l'acqua che spegne la tua sete,il cuscino dove poggiano i tuoi pensieri,la coperta che ti avvolge quando hai freddo. Voglio essere il tuo tappeto soffice,il fuoco del tuo caminetto,la tua poltrona comoda, il tuo libro preferito,la canzone più amata,il fiore che ti piace di più. Voglio essere l'aria che respiri,l'alba che ti sveglia,la notte che ti copre,la luna che rischiara il buio, la stella più luminosa. Voglio essere il ruscello più impetuoso,la risata più argentina,la lacrima più trasparente,il pensiero più malinconico,il sogno più dolce. Voglio essere la rinascita della primavera,il caldo abbraccio dell'estate,la nostalgica dolcezza dell'autunno,il candido silenzio dell'inverno. Voglio essere la tua tortura e la tua pace,la tua domanda e la tua risposta. Voglio essere il tuo angelo custode e il tuo diavolo tentatore, la tua forza e la tua debolezza,la tua ragione e la tua follia. Voglio essere la tua dolcezza e il tuo desiderio,la tua passione e la tua tenerezza. Voglio essere il tuo tutto e il tuo niente, voglio  solo essere .....l'AMORE!

Maria Letizia

 

 

 

E dopo l'amore, la passione e il romanticismo, un pizzico di ironia non guasta!

 

 

SAN VALENTINO

14 febbraio, festa d’è ‘nnammurate

E tutte le signore se vonno sentì amate.

-M’aggia tirà na mola- mò pensa il maritino,

ma si nun fa ‘o regalo,

l’aspetta nù piattino!

‘A moglie ha voglia ‘e dicere:

-Caro, basta il pensiero!-

Ma si ‘o penziero è piccolo, ‘a sente ‘o munno intero!

-Tu certo lo sapevi, vulevo ‘o gioiellino.

E tu comme te n’iesci? Cu nù ciucculatino!

Quann’io, nullatenente, con grande devozione,

t’ho fatto stù presente…

p’à barba nà lozione! –

Così che quando usciamo

Per cena o per ballare,

tu, col tuo bel profumo,

mi puoi certo inebriare.

-Ma po’, quanno turnammo,

tu tiene ‘o male ‘e capa-

pensa il marito affranto

-e chest' già se sape-!

Ogni anno ‘a stessa musica,

ato cà ‘nnammurate,

è n’occasione unica

pe ffà ‘na litigata!

-Ci son cascato ancora-

Rimpiange il maritino

-Nun teneva che ffà chistu San Valentino?

 Maria Letizia

 

 

 

 

 

      

 

 

 

 

copyright Marygraphics 2014 tutti i diritti riservati
Questo sito non fa uso di cookies di profilazione per i quali è richiesto il consenso del navigatore come meglio specificato nella pagina del garante della privacy